BMW iDrive: la novità presentata al CES 2021

Bmw iDrive

Compie 20 anni la nuova generazione iDrive di BMW introdotta per la prima volta nel 2001 dalla casa automobilistica tedesca. Presentato al Consumer Electronic Show di Las Vegas, nella sua versione più digitale di sempre, l’ultimo aggiornamento sarà parte integrante della nuova BMW iX. Il nuovo sistema di infotainement renderà la fruizione ai vari contenuti ancora più semplice.

Oggi, con la recente innovazione, la casa automobilistica tedesca si prefigge l’obiettivo di portare l’interazione tra auto e guidatore a un livello ancora superiore.

La novità è stata lanciata mediante l’aggiunta di un nuovo episodio alla serie di video, Re-Thinking Design, nella quale si ripercorre la storia del loro cambiamento dal 2001 ad oggi.

Sistema di infotainment: di cosa stiamo parlando?

Esattamente cos’è un sistema di infotainment? Il termine raggruppa al suo interno due parole di origine anglosassone, Informazione (information) e Intrattenimento (entertainment). Questa unione ci permette di classificare il concetto come tutto ciò che mantiene il conducente informato sullo stato dell’auto, mantenendo un costante contatto con il mondo esterno.

Cerchi un’officina nella tua zona?
Confrontale subito e prenota gratis un appuntamento in quella più adatta a te! →

Esso si articola nella plancia della vettura e si identifica con lo schermo centrale che racchiude stereo, navigatore satellitare e tutte le eventuali connettività legate agli smartphone.

Questi sistemi sono oramai presenti in tutte le auto in commercio, dalle più lussuose a quelle più economiche, e offrono funzionalità fruibili attraverso pulsanti, touch screen e/o comandi vocali.

Le caratteristiche sono numerose e tra le più importanti troviamo la risposta in vivavoce alle chiamate in arrivo sullo smartphone, la connessione internet per il costante monitoraggio del traffico, l’ascolto di musica direttamente dalle piattaforme più popolari e, per i passeggeri, la visione di film.

I sistemi di infotainment possono essere installati nelle vetture direttamente dalla casa madre o acquistati indirettamente. Le piattaforme installate di Android Auto e Apple CarPlay, non di proprietà delle case automobilistiche, richiedono, però, il collegamento dello smartphone tramite cavo.

Come funzionerà il nuovo BMW iDrive

Il cambiamento presentato da BMW segna l’inizio di una nuova era, fatta di interazioni, intuizioni ed emozioni. L’obiettivo del nuovo sistema iDrive è di rendere ancora più umano, personale ed emozionale il rapporto tra veicolo e guidatore, mantenendo però la sua semplicità.

BMW iDrive

Questa tecnologia sarà incentrata sull’intelligenza artificiale, su servizi basati sul cloud che utilizzano dati in tempo reale e su sensori ottimizzati in grado di analizzare l’ambiente circostante.

Tramite ciò, l’auto potrà ricevere segnali di pericolo e fare previsioni sulla disponibilità di eventuali parcheggi per la destinazione impostata. Disporrà, inoltre, di una voce che interagirà direttamente con il conducente per rendere l’esperienza sempre più empatica e confortevole, indagando le sue preferenze.

BMW non è però l’unica ad aver introdotto innovazioni all’interno delle sue automobili. Tra i nomi più famosi spicca sicuramente Tesla, che dell’innovazione ha fatto il suo cavallo di battaglia. La casa automobilistica statunitense con il suo Tesla IVI fa sparire completamente tasti fisici, sostituiti da un ottimo touch screen e comandi vocali sempre più sviluppati.

Di rilievo è anche il sistema Genesis Display di Hyundai, le cui opzioni Live Services integrano le funzioni di navigazione e infotainment e, grazie al collegamento a Internet, permettono l’accesso a informazioni in tempo reale.

Inoltre, si possono citare i nomi di Ford con il suo Sync3 e la nuovissima (recente?) partnership con il colosso digitale Google; Fiat con l’elogiato UConnect; l’Alfa Connect di Alfa Romeo, adottato per il restyling di Giulia e Stelvio. La novità di Audi, Audi MMI Touch Response, è stata adottata su macchine più sportive, con una guida incentrata sul guidatore che ottiene le informazioni direttamente dal cruscotto digitale. Infine, Mercedes equipaggia le sue vetture con il sistema MBUX che supporta le funzioni di Android Auto e Apple CarPlay.

Se con quanto spiegato oggi siamo arrivati al punto più alto dell’infotainment, è importante tenere a mente che brand come Mercedes, Ford, Tesla e BMW lavorano a sistemi di infotainment ancora più all’avanguardia. Le auto potranno “comunicare tra loro” attraverso un’interazione car-to-car che garantirà un’esperienza di guida più semplice e sicura.

3 click è tanto?
Dipende, certo. 3 click per confrontare distanza, recensioni, servizi e specializzazioni delle officine che effettuano il servizio di cui hai bisogno; trovare il professionista più adatto alle tue esigenze; prenotare un appuntamento comodamente dal divano di casa senza dover alzare la cornetta. 3 click. Tanto? Dipende, certo.

Prova, hai tutto a portata di mano

BMW iDrive: la novità presentata al CES 2021 ultima modifica: 2021-02-04T17:00:00+01:00 da Sofia Corvini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *