Come prendersi cura del proprio parabrezza

parabrezza

Sebbene la cura del parabrezza sia uno dei temi più sottovalutati nell’ambito della cura e manutenzione dell’auto, approcciarsi nel giusto modo potrebbe evitarvi di incorrere in problematiche spiacevoli.

Un parabrezza in stato ottimale, infatti, oltre a garantire un’ottima visibilità, sarà più resistente nel proteggere l’abitacolo dagli agenti atmosferici e da eventuali parti volanti come polvere, insetti e sassi.
Inoltre, quando si parla di parabrezza risulta sensato parlare anche di liquido tergicristallo, delle sue funzioni e delle raccomandazioni da rispettare per assicurare la longevità delle diverse componenti il cui compito è la pulizia di quest’ultimo.

Quello del liquido tergicristallo è un tema che è stato parzialmente trattato nel nostro articolo ‘Ghiaccio sul parabrezza: cosa fare?’, tuttavia risulta interessante approfondire il tema da un altro punto di vista, ossia i suoi impatti nel lungo termine sul parabrezza.
Vi parleremo in particolare dell’utilità del liquido antigelo dei tergicristalli, nel suo complesso di funzioni legate alla cura del parabrezza, spesso sottovalutato e sostituito con semplice acqua.

Liquido tergicristalli, come utilizzarlo nel modo giusto e allungare la vita del parabrezza?

Il liquido tergicristalli è una miscela di acqua e detersivo il cui compito è quello di pulire i fari e il parabrezza.

Contenuto in un’apposita vaschetta, il liquido tergicristalli è caratterizzato da un abbassamento crioscopico proporzionale alla quantità di soluto presente nel liquido che gli impedisce di congelarsi, a differenza appunto dell’acqua.


>> La tua auto ha bisogno di manutenzione? Clicca qui per chiedere preventivi e valutarli senza impegno!


Sebbene si possa tranquillamente utilizzare dell’acqua di rubinetto, il suo uso è ampiamente sconsigliato, sia perché potrebbe congelarsi, impedendo così il funzionamento dei tergicristalli, sia perché l’alta presenza di sodio potrebbe ostruire i tubi di calcare intasando così gli ugelli che spruzzano il liquido sul parabrezza.

parabrezza
fonte: inforicambi

Consigli di sicurezza

Prima di andare nel dettaglio e spiegarvi come sostituire il liquido lavavetri, ci teniamo a precisare che, proprio come l’olio motore, anche il liquido antigelo può essere nocivo. A tal proposito raccomandiamo sempre di indossare guanti adatti al lavoro, per evitare il contatto con la pelle, e di prestare massima attenzione durante la procedura.

La presenza di alcool nei principali liquidi antigelo rende gli stessi tossici, invitando ancora una volta a prestare attenzione al contatto con questi ultimi.

Come effettuare l’operazione?

Fissate delle piccole norme di sicurezza, occorre tenere ben in mente che per effettuare questo tipo di manutenzione occorre attendere che il motore dell’auto sia completamente freddo.

La vaschetta lavavetri si trova nell’abitacolo ed è facilmente identificabile dal simbolo di un parabrezza con delle gocce d’acqua sul tappo. Sarà necessario riempire la vaschetta con il liquido comprato e stringere il tappo con forza per effettuare l’operazione, dopodiché il cofano potrà essere nuovamente chiuso e l’auto accesa.

Sebbene la sua sostituzione non sia difficile, consigliamo sempre di affidarsi a un professionista.

Trova l'officina

 

 

Come prendersi cura del proprio parabrezza ultima modifica: 2018-02-09T10:00:38+01:00 da Armando Di Santo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *