Documento Unico di Circolazione: quali sono i vantaggi?

Documento unico di circolazione

Il 25 maggio il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo 392/2017 che sancisce la nascita, a partire dal 1 luglio 2018, del nuovo Documento Unico di Circolazione. Tale decreto mira a una razionalizzazione dei processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi. Il risultato ottenuto da tale atto è l’unificazione del Certificato di Proprietà e della Carta di Circolazione in un unico documento. Pertanto questo nuovo documento ingloba le proprietà e caratteristiche del veicolo (attività attualmente di competenza dell’Aci) e il libretto di circolazione (rilasciato dalla Motorizzazione Civile).

Documento Unico di Circolazione

Quali sono gli effetti per l’automobilista del Documento Unico di Circolazione?

Diversamente da quanto accade ora, con il nuovo decreto, le pratiche per l’ottenimento del certificato di proprietà e del libretto di circolazione potranno essere sbrigate congiuntamente presso un unico ufficio (Motorizzazione Civile) e ad un costo leggermente ridotto.


>> Hai bisogno di un’officina nella tua zona?


Il risparmio complessivo previsto a favore dell’automobilista ammonta a 39 euro ed è attribuibile all’eliminazione di due bolli (per un risparmio di 32 euro) e alla riduzione della tariffa PRA (da 27 a 20 euro).
Con questa novità dunque, solo le  auto immatricolate a partire da giugno 2018 circoleranno con un unico documento. Diversamente, i veicoli già in circolazione dovranno mantenere l’attuale documentazione, la quale resterà valida fintanto che il mezzo non sarà venduto o rottamato.

Quali sono gli effetti per lo Stato?

I vantaggi dello Stato saranno sia burocratici che economici. Ciò è da ricollegarsi all’obbiettivo di semplificazione della pubblica amministrazione che la riforma Madia cerca di perseguire. Infatti, attraverso il Documento Unico di Circolazione lo Stato delega le pratiche  del PRA svolte dall’ACI al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In questo modo, il rilascio del certificato di proprietà sarà di competenza della Motorizzazione Civile che darà così origine ad un unico documento per auto, moto, rimorchi e, in generale, dei veicoli.

 

Ti potrebbe interessare anche...

Documento Unico di Circolazione: quali sono i vantaggi? ultima modifica: 2017-06-07T15:32:32+00:00 da Elisa

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *