Incidenti stradali: SOS automatico con eCall (AGGIORNATO)

eCall

Dal 31 marzo 2018 il sistema stradale europeo compirà un enorme passo in avanti in termini di sicurezza e soccorso in caso di incidente grave. Come stabilito dal Parlamento Europeo, infatti, da tale data, tutte le auto dovranno essere dotate obbligatoriamente di un dispositivo, denominato eCall, in grado di effettuare in automatico chiamate di emergenza.

Sono sempre di più i dispositivi elettronici di sicurezza per le auto resi obbligatori dalle istituzioni.
Ormai, infatti, sono diventati di serie: l’Esp (indicatore di controllo della stabilità per evitare sbandature), il TPMS (sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici) e l’Abs (che evita il bloccaggio delle ruote in frenata). Tra poco più di un mese si aggiungerà anche l’eCall.

Che cos’è e come funziona eCall

Il servizio eCall nasce da un’iniziativa dell’Unione Europea volta a creare un unico sistema automatico di soccorso stradale valido in tutti i 28 stati membri. Attraverso l’installazione di un dispositivo, l’auto sarà in grado di inviare alle centrali del 112 i dati necessari, come la posizione Gps del veicolo e la sua direzione di marcia, per richiedere un immediato soccorso in caso di incidente stradale.


>>  Cerchi un’officina nella tua zona? Clicca qui e scopri l’officina più vicina!


Questo sistema è stato pensato per ridurre drasticamente le tempistiche di intervento delle ambulanze e quindi salvare il maggior numero possibile di vite. Un’avanguardia che, secondo la Commissione Europea, potrebbe salvare fino a 2.500 vite ogni anno. Può capitare infatti che i soggetti incidentati possano non essere in condizioni di chiamare tempestivamente i soccorsi. L’obiettivo di eCall è proprio evitare questo: in qualsiasi paese membro dell’Unione Europea, in caso di incidente grave, il dispositivo sarà in grado di inviare in automatico una richiesta di soccorso al numero 112.

eCall
fonte: tomshw.it

Costi e…

Il servizio offerto da eCall è totalmente gratuito, sarà necessario sostenere soltanto un costo di circa 100 euro relativo al dispositivo in grado di avviare la chiamata automatica. Esso sarà compreso nel prezzo delle auto acquistate dal 31 marzo 2018 in poi, sebbene l’Unione Europea abbia in piano di far installare l’eCall anche in auto fabbricate precedentemente.

…privacy

Il modem installato a bordo delle autovetture, in caso di incidente, avrà la funzione di inviare al 112, come detto, tutti i dati utili per consentire un rapido intervento. Per comprendere al meglio la gravità del sinistro stradale, le autorità avranno a disposizione quindi numerose informazioni relative all’auto, in particolar modo la posizione. In termini di privacy, questo potrebbe far temere un eventuale sfruttamento dei suddetti dati o il reperimento degli stessi senza il consenso della persona interessata. A tal proposito, la Commissione Europea, sempre molto attenta a queste tematiche, ha predisposto che nessuno avrà la possibilità di accedere alle informazioni salvate da eCall, se non le autorità di soccorso e solo dopo un eventuale incidente.

Il sistema eCall non permette dunque di tracciare il percorso dell’auto, riuscendo a garantire quindi la privacy degli automobilisti e, allo stesso tempo, un efficace servizio innovativo volto a migliorare il soccorso stradale europeo.

Incidenti stradali: SOS automatico con eCall (AGGIORNATO) ultima modifica: 2017-05-05T16:00:34+01:00 da Francesco

One thought on “Incidenti stradali: SOS automatico con eCall (AGGIORNATO)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *