Formula 1: anteprime e regolamento

formula 1

Il 25 di marzo alle 7:10 le diverse case automobilistiche torneranno ai blocchi di partenza in Australia, a seguito di diversi mesi di duro lavoro e test che hanno portato sul campo un nuovo concorrente, Alfa Romeo.

Al momento, tuttavia, le scuderie stanno eseguendo un lavoro molto differenziato tra i diversi piloti, risulta pertanto difficile valutare i dati che arrivano da Montmelò e immaginare quella che potrà essere la classifica finale di quest’anno.

Dopo le modifiche del regolamento del 2017, che prevedevano, tra le altre cose, degli pneumatici molto più grandi, la Formula cambia di nuovo. Si tratta di piccoli accorgimenti che , tuttavia, cambieranno le carte in tavolo.


>> Non dimenticare la manutenzione sulla tua auto! Clicca qui e chiedi preventivi gratuiti!


Cosa prevede il nuovo regolamento?

Dal punto di vista dei propulsori, le scuderie non avranno più a disposizione quattro power unit, come per la stagione precedente, ma tre.

Questo significa che, ammettendo un consumo costante nei diversi gran premi, le case avranno a disposizione un motore ogni sette Gran Prix, per una media di oltre 2000 km senza considerare qualifiche e prove libere.

Alle power unit si uniscono anche le centraline e le batterie, che si riducono a sole due per l’intero campionato, aumentando ulteriormente la difficoltà per le scuderie e in generale la competizione e la ricerca di efficienza.

Anche il peso delle monoposto cambia, passando dai 728 kg del 2017 a 734 kg, a questo si aggiunge la mancanza delle pinne dorsali che estendevano il cofano motore fino all’ala posteriore.

formula 1
fonte:f1analisitecnica.com

Infine il 2018 porta con se “Halo”, il sistema di protezione dell’abitacolo, che doveva partire già dal 2017 e che ha messo a dura difficoltà gli ingegneri delle diverse scuderie. Questi, infatti,  hanno dovuto riprogettare completamente le auto per restare sotto al peso minimo imposto dal regolamento e poter poi successivamente gestire meglio il peso dell’auto con delle zavorre.

Halo, inoltre, influenza l’entrata dei fluidi aerodinamici al compressore e ai radiatori, motivo per cui i diversi team hanno dovuto installare delle appendici nella parte alta dell’anello per poter reindirizzare i flussi dove necessario.

Dove è possibile guardare la corsa?

Per il GP di Melbourne è prevista una diretta tv in esclusiva su Sky Sport F1.

Quest’anno sono infatti previsti solo 8 Gran Premi su 21 in chiaro su Rai e su TV8, tuttavia occorrerà aspettare i primi di settembre per poter vedere il primo di questi, il GP di Monza.

 

Ti potrebbe interessare anche...

Formula 1: anteprime e regolamento ultima modifica: 2018-03-15T16:00:07+00:00 da Armando Di Santo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *