La rivoluzione nell’Arma: i Carabinieri guideranno le auto ibride

Le rivoluzioni ecologiche avvenute nell’ultimo periodo sono arrivate anche al Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Il 5 aprile 2019, Toyota Italia e LeasePlan Italia hanno consegnato 250 vetture ibride all’Arma dei Carabinieri. Il modello in questione è la Yaris Hybrid, adattata con due supporti per le armi di ordinanza e dotata della tecnologia Full Hybrid Eletric; questo tipo di auto permette di viaggiare per oltre il 50% del tempo in modalità elettrica. Nonostante le novità, le auto dei Carabinieri rispettano la tradizione; infatti, è stata mantenuta la livrea blu con strisce rosse.

Cerchi un’officina nella tua zona?
Confrontale subito e prenota gratis un appuntamento in quella più adatta a te! →

La collaborazione con l’Arma dei Carabinieri

Il colosso automobilistico e LeasePlan Italia hanno iniziato la loro collaborazione con l’Arma dei Carabinieri a seguito della vittoria della gara pubblica CONSIP. Le vetture sono state consegnate al Capo di Stato Maggiore del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri nella formula del noleggio a lungo termine.

La scelta è ricaduta sulla Toyota Yaris perché è l’auto ibrida più venduta in Italia nel 2018 (28 mila esemplari). Toyota – da sempre impegnata nella promozione di una mobilità più sostenibile – ha inoltre pianificato di arrivare a vendere, entro il 2030, oltre 5.5 milioni di auto elettrificate all’anno. LeasePlan, invece, entro la stessa data prevede di azzerare le emissioni per l’intera flotta.

La rivoluzione nell’Arma: i Carabinieri guideranno le auto ibride
Photo by: Motori.it

Distribuzione delle vetture 

Le auto saranno distribuite tra le Tenenze e le Stazioni di tutto il territorio italiano; in particolare nelle aree riservate ai pedoni e in quelle con particolari restrizioni ambientali.

Inoltre, per cercare di implementare questa nuova realtà, Toyota Italia si è prestata a fornire 10 lezioni agli operatori dell’Arma; il tutto per spiegare come utilizzare correttamente la tecnologia ibrida. I comandi coinvolti sono stati quelli di Roma, Bologna, Firenze, Napoli, Milano, Perugia, Padova, Catanzaro, Palermo e Cagliari. In seguito alla solida formazione tenuta dalle aziende, 50 carabinieri sono stati nominati “Ambasciatori dell’ibrido” (Hybrid ambassador), in forza del fatto che ora conoscono tutti i vantaggi della tecnologia ibrida e i modi per sfruttarli a favore dell’ambiente.

Ti potrebbe interessare anche...

La rivoluzione nell’Arma: i Carabinieri guideranno le auto ibride ultima modifica: 2019-04-08T16:00:44+00:00 da Elena Bertinazzi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *