Leggere i preventivi in carrozzeria: come farlo correttamente?

Leggere I Preventivi

Quando si porta un’auto da riparare dal carrozziere a seguito di un incidente, spesso può risultare complesso riuscire a leggere i preventivi e comprenderli correttamente. Questo avviene perché questi documenti sono solitamente costituiti da molte voci e sigle non sempre chiare.

Ecco quindi una breve guida su come risolvere questo problema con facilità!

Cerchi un’officina nella tua zona?
Confrontale subito e prenota gratis un appuntamento in quella più adatta a te! →

Non solo preventivi

Nonostante si parli sempre di preventivi, in realtà esistono anche altre tipologie di conteggi per quanto riguarda un intervento in officina: gli elaborati tecnici e i consuntivi.

Partendo dai preventivi, possiamo definirli come il conteggio delle operazioni ancora da eseguire; questo viene realizzato prima dell’inizio dell’intervento e può esser fatto sia a vettura smontata che montata.

Diverso il caso del consuntivo. La differenza fondamentale è che quest’ultimo viene redatto dopo aver eseguito l’intervento. Qui vengono riassunti i costi sostenuti per la carrozzeria, la manodopera, il costo dei materiali, del consumo e dell’acquisto di eventuali nuovi componenti.

Infine, troviamo l’elaborato tecnico, che presenta tutti i prezzi di listino, ovvero i prezzi al dettaglio, suggeriti dal produttore. Si può avere la manodopera di listino, il prezzo dei materiali di listino, ecc… Caratteristica principale di questo documento è che si riferisce ai costi prima di qualsiasi sconto o negoziazione con il carrozziere.

Chiarite le differenze tra le tre diverse tipologie di conteggio, passiamo a comprendere come interpretare correttamente le varie voci presenti su un preventivo.

Leggere I Preventivi

Come leggere i preventivi

Per leggere i preventivi in modo corretto bisogna sempre ricordarsi che gran parte del costo finale è solitamente imputabile alla manodopera.

Esistono diverse tipologie di manodopera che, a seconda dell’intervento da effettuare, sono indicate con diverse sigle.

Le più diffuse nelle carrozzerie sono di quattro tipologie:

  • ME (Meccanica): si riferisce ad un intervento di riparazione di tipo meccanico, ad esempio quelli che solitamente si eseguono a seguito di un incidente.
  • VE (Verniciatura): questa sigla comprende sia tutti i preparativi alla verniciatura, che l’atto stesso.
  • LA (Lattoneria): fa riferimento a tutti gli interventi che riguardano la lamiera, come ad esempio il taglio o l’allineamento.
  • SR (Smontaggio e Rimontaggio): la più diffusa tra tutte perché tipicamente presente in ogni intervento. Riguarda la rimozione, sostituzione e riparazione delle varie parti danneggiate di un’automobile.  

Altro elemento che può far variare il costo totale della manodopera è ovviamente l’ammontare delle ore impiegate per l’intervento.

Le ore possono variare in base a molteplici fattori, tra cui in primis quello riguardante il costo soggettivo stabilito e richiesto dal carrozziere. Altri fattori che influenzano il tempo totale di manodopera sono per esempio l’anzianità dell’automobile.
Un’auto nuova avrà dei tempi di manodopera che sono indicati in modo preciso dalle case produttrici; invece, se si parla di una vettura usata, le tempistiche dipenderanno dallo stato di usura, oltre che ovviamente dal danno causato al veicolo durante l’incidente.  

Sei stato qui altre volte?
Allora saprai che CercaOfficina.it pubblica diversi articoli per diffondere aggiornamenti e utili informazioni sulla manutenzione dell’auto. Tuttavia, questa è una piccola parte. Puoi prendere solo questa oppure scegliere di utilizzare il servizio per il bene della tua auto.

È una buona cosa, provaci

Leggere i preventivi in carrozzeria: come farlo correttamente? ultima modifica: 2021-07-13T10:46:42+02:00 da Stefania Ubezio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *