Multa per semaforo rosso: è valida anche con il giallo “lampo”

Multa per semaforo rosso: è valida anche con il giallo "lampo"

La durata “lampo” della luce gialla del semaforo non può più essere utilizzata da un automobilista come giustificazione per evitare l’eventuale multa per il passaggio di un incrocio con il rosso. La conferma arriva dalla Corte di Cassazione, con l’ordinanza numero 567/19 depositata l’11 gennaio. Irrilevante quindi il tempo del segnale di “avvertenza” per la validità della sanzione. Nella sentenza in oggetto, si ricorda infatti che il conducente è tenuto a rallentare e arrestare il veicolo in corrispondenza della luce gialla.

Dirittoegiustizia.it, quotidiano di informazione giuridica, nell’annunciare e commentare la decisione chiarisce un punto cruciale della questione. In considerazione delle norme del Codice della Strada (articolo 146, comma 3) e del pronunciamento, in caso di esito positivo degli accertamenti tecnici svolti sul sistema di segnalazione luminosa, dedurre l’insufficiente durata della luce semaforica gialla “di avvertenza” non risulta valido per evitare la sanzione amministrativa per violazione della segnaletica stradale. A tal proposito infatti, non vi sono disposizioni relative ad una determinata durata della segnalazione. Ciò viene sottolineato dalla sentenza emessa nel 2017 dal Tribunale di Bologna (n.927/17).

> Cerchi un’officina nella tua zona?
Clicca qui e trovala in modo facile e veloce!

Il caso

Il caso in questione riguardava il ricorso presentato da un’automobilista in un comune del Bolognese. La contravvenzione riguardava appunto la violazione dell’obbligo di arrestare il veicolo in caso di semaforo rosso. A sua discolpa la donna aveva obiettato che il giallo era stato troppo breve per permetterle di fermare il veicolo in sicurezza. Il ricorso è stato respinto ed era stata pure verificata l’omologazione del semaforo. I fotogrammi inoltre hanno dimostrato che il veicolo aveva già impegnato l’incrocio a rosso già acceso.

Il precedente

Si tratta di un tema che la Cassazione affronta da anni. Nel dicembre 2014 la Suprema Corte aveva stabilito che la multa era legittima con tre secondi di giallo (sentenza 27348). In precedenza i giudici avevano affermato che l’automobilista deve adeguare la velocità allo stato dei luoghi. In linea con il Ministero dei Trasporti e uno studio Cnr, i giudici ritenevano quei famosi 3 secondi sufficienti per l’arresto del veicolo.

Multa per semaforo rosso: è valida anche con il giallo "lampo"
Photo by: Altalex

La possibile soluzione

Il coordinatore dell’area tecnica Aci, Enrico Pagliari, sottolinea l’importante funzione del giallo. In sostanza, consente lo sgombero dell’incrocio all’ultimo veicolo che passa con il verde. Se vedi quel segnale quindi ti devi fermare, anche a rischio di essere tamponato. Codice della strada e norme specifiche non lasciano spazio ad altre interpretazioni. Il problema dei tamponamenti è sotto gli occhi di tutti. La soluzione secondo Pagliari sarebbe l’introduzione in tutti i veicoli del freno automatico d’emergenza obbligatorio. Infine, un’altra soluzione che trova d’accordo il coordinatore è l’eliminazione del giallo con la semplice presenza del rosso, del verde e di un countdown.

Ti potrebbe interessare anche...

Multa per semaforo rosso: è valida anche con il giallo “lampo” ultima modifica: 2019-01-21T15:00:00+00:00 da Guglielmo Vernazza

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *