Pneumatici sempre più connessi: nasce il sistema TDMS

sistemaTDMS

Dalla collaborazione Bridgestone e Microsoft nasce il sistema TDMS (Tyre Damage Monitoring System), tecnologia volta a garantire una maggior sicurezza alla guida. Si consolida il percorso verso pneumatici sempre più connessi, dopo lo pneumatico targato Pirelli Cyber Tyre 5G, notizia ampiamente approfondita qui: Pneumatico intelligente: la nuova frontiera della connettività.

L’obiettivo del TDMS è quello di monitorare costantemente lo stato delle gomme e segnalare tempestivamente eventuali anomalie, al fine di prevenire possibili incidenti stradali ed evitare che altre componenti dell’auto possano danneggiarsi a loro volta – come, ad esempio, i cerchi.

Come funziona il sistema TDMS?

Il Tyre Damage Monitoring System può essere considerato come un’evoluzione del sistema Tyre Pressure Monitoring System, tecnologia deputata al controllo della pressione degli pneumatici, divenuta obbligatoria per le auto costruite dal 2012 in poi. La differenza tra i due sistemi risiede nella maggiore completezza delle informazioni raccolte e trasmesse all’automobilista.

Cerchi un’officina nella tua zona?
Confrontale subito e prenota gratis un appuntamento in quella più adatta a te! →

Gli pneumatici non sono stati le prime parti dell’auto a beneficiare dei vantaggi offerti dal digitale. Basti pensare che oggi la maggior parte dei danni relativi agli pneumatici può emergere solo tramite un controllo manuale, comportando una conseguente minor efficienza. Tramite il TDMS si potrà ottenere un monitoraggio dello stato di salute e dell’integrità delle gomme in tempo reale, costante e preciso per prevenire ipotetici malfunzionamenti.

Alla base del funzionamento del sistema vi è lo sfruttamento del cloud framework Microsoft Connected Vehicle Platform (MCVP). I dati trasmessi ed elaborati verranno acquisiti tramite i sensori già presenti nel veicolo, senza la necessità di dover installare un’ulteriore hardware. Non solo il sistema informerà il conducente quando si è verificato un danneggiamento, ma verranno raccolti anche dati relativi alla posizione, informazione che potrà essere trasmessa al responsabile della manutenzione stradale al fine di porre rimedio alla causa del problema (quale, ad esempio, una buca).

Tutto questo seguendo il principio del Vehicle-To-Everything (V2X), nel quale la vettura diviene una fonte di informazioni utile per altri soggetti interessati, come, ad esempio, l’ente gestore delle infrastrutture, appunto.

sistema TDMS

Non si arresta la corsa per garantire la massima sicurezza possibile alla guida. Secondo gli ingegneri responsabili del progetto, tramite il sistema sperimentato si potranno prevenire circa il 30% dei sinistri correlati alle gomme danneggiate. Una bella notizia, quindi, nella speranza che la disponibilità di informazioni tempestive possa implementare la sicurezza in strada.

3 click è tanto?
Dipende, certo. 3 click per confrontare distanza, recensioni, servizi e specializzazioni delle officine che effettuano il servizio di cui hai bisogno; trovare il professionista più adatto alle tue esigenze; prenotare un appuntamento comodamente dal divano di casa senza dover alzare la cornetta. 3 click. Tanto? Dipende, certo.

Prova, hai tutto a portata di mano.

Pneumatici sempre più connessi: nasce il sistema TDMS ultima modifica: 2020-07-09T17:00:00+02:00 da Luca Fachechi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *