Revisione: cresce la spesa degli italiani

revisione cresce la spesa degli italiani nel 2018

Dopo aver analizzato le differenze nella spesa degli automobilisti tra il 2016 e il 2017,  oggi ci occupiamo di esaminare come si sono comportati nell’anno che sta per concludersi.

1,46 milioni di euro sono stati spesi dagli italiani per le revisioni auto nel 1° semestre 2018 presso officine autorizzate private. Spesa in aumento dell’ 1,1% rispetto al 1° semestre 2017, quando ammontava a 1,44 milioni di euro.

Da dove arrivano questi dati?

Derivano da un’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec, il quale informa che la cifra comprende:

  • il pagamento della tariffa fissata per le revisioni (502,9 milioni di euro, +0,4% rispetto al 1° semestre 2017):
  • il costo per le cosiddette operazioni di pre-revisione. Si tratta di manutenzioni e riparazioni necessarie per porre i veicoli in condizione di superare i controlli, costo che ammonta a 961,6 milioni di euro (+1,5%).

> Stai cercando un’officina per fare la revisione? Clicca qui

L’aumento della spesa per le revisioni è dovuto al fatto che il numero degli autoveicoli revisionati nel primo semestre del 2018 è stato superiore a quello degli autoveicoli revisionati nello stesso periodo del 2017 (+0,4%). Nel caso delle pre-revisioni, oltre che per il maggior numero di autoveicoli sottoposti ai controlli, la spesa è aumentata anche in relazione all’incremento dei costi delle operazioni di manutenzione e riparazione che risulta dagli indici Istat (+1,16%).

spesa italiani revisione
photo by Formula Passion

L’importanza della revisione

La revisione è un importante strumento per:

  • la corretta manutenzione;
  • tutela della sicurezza stradale;
  • riduzione delle emissioni nocive.

E’ un controllo obbligatorio previsto dal Codice della Strada e va effettuato dopo quattro anni dall’immatricolazione e, successivamente, ogni due.

Queste scadenze sono valide per:

  • auto;
  • moto;
  • autocaravan;
  • ciclomotori;
  • autocarri e rimorchi la cui massa complessiva non superi le 3,5 tonnellate.

Il controllo è, invece, annuale per:

  • i rimorchi superiori a 3,5 tonnellate;
  • i veicoli adibiti al trasporto di persone con più di 9 posti (come ad esempio gli autobus);
  • quelli adibiti al noleggio con conducente, i taxi, le ambulanze e i veicoli atipici (come ad esempio le auto d’epoca).

Chi circola con un veicolo non revisionato o con la revisione scaduta rischia una sanzione amministrativa compresa tra 168 e 674 euro. Tali cifre raddoppiano in caso di recidiva.

 

auto ferma

 

Ti potrebbe interessare anche...

Revisione: cresce la spesa degli italiani ultima modifica: 2018-10-18T16:00:30+00:00 da Chiara

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *