Riparazione auto online: i dati aggiornati di CercaOfficina.it

Riparazione auto online: i dati aggiornati di CercaOfficina.it

Grazie al contributo dei nostri utenti Cercaofficina.it continua a crescere negli anni e ad aggiornarsi sull’evoluzione dell’aftermarket. In questo articolo vi proponiamo un’analisi sulla base di dati analizzati in precedenza, integrata con gli ultimi trend appena rilevati sulla manutenzione e riparazione auto online tramite il portale più utilizzato dagli automobilisti italiani.

Riparazione auto online e demografia

Continua la predominanza maschile nell’ interesse verso la nostra offerta. I nostri utenti sono infatti per il 72% uomini, dato che dipende non dal nostro servizio in sé ma dalla struttura della domanda. Risulta infatti facile pensare che la riparazione dell’auto sia un’area di attenzione principalmente maschile. Ci teniamo però a sottolineare che questo non ci impedirà di avvicinarci anche alle nostre utilizzatrici del gentil sesso, sperando in un maggior bilanciamento tra gli utenti in quest’ottica.


>>Cerchi un’officina nella tua zona? Clicca qui, è facile e veloce!


Tornando agli uomini, di questi più di un quarto appartengono alla fascia 35-44. La tendenza è sicuramente giustificata da due fattori: questa fascia è quella che maggiormente utilizza il web in Italia ed inoltre l’età ci sembra coerente con il periodo in cui un automobilista medio inizia a prestare maggiore attenzione alla riparazione dell’auto. Occorre comunque considerare la significativa penetrazione anche per le fasce d’età limitrofe: buona parte dei nostri utilizzatori uomini hanno un’età compresa tra 25 e 34 anni (22,3%) e tra 45 e 54 (19,8%).

Un’analisi del parco circolante italiano

Andando ad esaminare la composizione del parco auto degli automobilisti che richiedono preventivi per la riparazione auto online tramite CercaOfficina.it, è emerso un aumento del 9% delle vetture alimentate a gasolio, in controtendenza rispetto alle recenti decisioni di alcune case automobilistiche di sospendere in futuro la produzione di veicoli diesel. Quindi gli automobilisti italiani continuano a preferire il tanto discusso gasolio quando la distanza giornaliera da percorrere è ampia. Lo dimostra anche la diminuzione delle alimentazioni ibride, GPL e metano che rappresentano insieme l’8,4% del totale, rispetto al precedente 10% registrato nel 2016. In calo anche le vetture a benzina che costituiscono circa il 31% delle vetture totali.

Riparazione auto online: i dati aggiornati di CercaOfficina.it
fonte: officinasitiweb.it

Rispetto al 2016 abbiamo registrato anche un invecchiamento del parco circolante. L’incidenza delle vetture immatricolate da meno di quattro anni si è ridotta drasticamente, passando dal 41% al 29%. Aumentano specularmente le vetture più vecchie, e quindi anche più inquinanti: l’incidenza delle auto immatricolate da almeno sette anni è infatti aumentata del 13%. Dal momento che il numero fisico di auto immatricolate in passato non può per definizione aumentare, il loro aumento in percentuale è spiegabile con il calo del mercato automobilistico italiano e di conseguenza del numero delle vetture di recente introduzione.

Una panoramica del costo del tagliando in Italia

Tenendo in considerazione il servizio più richiesto, ovvero il tagliando, il prezzo medio si riconferma disomogeneo a seconda dell’area geografica. Al nord abbiamo il valore più alto, 269€, di ben 44€ superiore rispetto al centro (225€) e 56€ rispetto al sud (213€). Di forte rilevanza è l’innalzamento del prezzo medio rispetto all’anno precedente, avvenuto su tutto il territorio. Gli aumenti sono stati dell’ 8% al nord, del 2% al centro e del 20% al sud. In merito a quest’ultimo ci riserviamo di dubitare di un fenomeno concreto di tale entità, ritenendo che probabilmente il trend di crescita si sia verificato come nelle altre aree ma che il valore dell’aumento sia alterato da alcuni fattori, come la differenza nel numero di officine servite al sud, fortemente cresciuto di recente.

Le considerazioni dell’analisi vanno integrate da un lato con l’aumento del nostro numero di utenti, i quali mostrano un maggiore interesse nell’utilizzo della nostra piattaforma, dall’altro con l’aumento delle officine che entrano a far parte del nostro network. Esse hanno così l’opportunità di collocarsi in maniera consapevole, intraprendente e moderna in un contesto difficile come quell’aftermarket.

Riparazione auto online: i dati aggiornati di CercaOfficina.it

Ti potrebbe interessare anche...

Riparazione auto online: i dati aggiornati di CercaOfficina.it ultima modifica: 2018-06-18T16:32:30+00:00 da Nicolò Riva

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *