Seleziona il modello della tua auto

auto
ALFA ROMEO

La storia di Alfa Romeo non può di certo essere considerata tra le più semplici e positive: le difficoltà e le crisi sono state gli elementi che hanno segnato l'intero sviluppo del “Biscione” ma queste le ha permesso di crescere e di affermarsi tra i principali marchi italiani dell'automotive. Alfa Romeo nasce come Società Italiana Automobili Darraq, fondata a Napoli nel 1906 dal Cavalier Ugo Stella, amministratore delegato della stessa società. Quasi immediato è il suo trasferimento nella zona Portello di Milano, una delle più famose sedi originarie nel territorio lombardo. Fin da subito però sorgono i primi problemi: quella che era un'idea innovativa, intraprendente e brillante deve affrontare la grande crisi economica, iniziata nel 1909, che porta alla modifica della ragione sociale, nel tentativo di risollevare le sorti societarie. Tale rettifica viene registrata il 24 giugno 1910, dalla quale origina l'A.L.F.A., l'Anonima Lombarda Fabbrica Automobili. Purtroppo le difficoltà continuano, impedendo alla società di raggiungere quell'equilibrio finanziario necessario per la sua sopravvivenza all'interno di un ambiente sociale, economico e politico che, nel frattempo, diventava sempre più turbolento e instabile a causa della Prima Guerra Mondiale. I successi registrati in questi anni, tra i quali degno di nota è il progetto della 24 HP, la prima auto storica marchiata A.L.F.A. dell’italiano Giuseppe Merosi, non impediscono al brand di entrare in crisi a seguito di una mancata commessa statale che ne causa lo scioglimento anticipato, affidato alla Banca Italiana di Sconto. Fortunatamente, una serie di eventi permettono di far fronte a tali problematiche e portano alla nascita di quella che oggigiorno è conosciuta come Alfa Romeo. Infatti, negli anni dello scioglimento di A.L.F.A., un giovane imprenditore napoletano, Nicola Romeo, aveva fondato la Società Ing. Nicola Romeo & C. e costruito il proprio stabilimento proprio nella zona Portello. A seguito di un'ingente commessa statale per la produzione di proiettili, l'officina Romeo deve necessariamente ampliare le sue strutture. La Bis decide così di acquisire le azioni di A.L.F.A. e di cederne il controllo proprio alla Società Ing. Nicola Romeo &C. Nel 1918 nasce la Società Anonima Italiana Nicola Romeo &C., maggiormente conosciuta come Alfa Romeo. Nonostante inizialmente la produzione fosse tutt'altro che automobilistica, la crescita risulta fin da subito inarrestabile. Al termine della Grande Guerra, Alfa Romeo debutta nel mondo automotive, presentando la RL progettata da Giuseppe Merosi e la Gran Premio Tipo P2 di Vittorio Jano, estende la sua attività anche alla produzione di motori aeronautici e di veicoli industriali e si impone sul mercato come un brand di prestigio e di notorietà internazionale. Il clima italiano però, così come quello degli altri paesi europei, continua ad essere molto critico, la Seconda Guerra Mondiale è alle porte e Alfa Romeo non riesce a ripagare i cospicui debiti. La crisi incombe nuovamente sulla società che, nel 1933, viene acquistata dall'Istituto per la Ricostruzione Industriale (IRI) e viene nominato un nuovo direttore generale, Ugo Gobbato. Nel 1935, sostenuto dal governo, Gobbato tenta di risollevare l’azienda, trasformandone il business da impresa "artigianale" a grande industria militarizzata e affidando la produzione di veicoli alla Scuderia Ferrari. Queste azioni, se da un lato hanno in parte snaturato la società, dall'altro hanno dato origine a leggende della storia automobilistica come la 6C 2300, 6C 2500, 8C 2300 e 8C 2900 B, successi così importanti da permettere alla Alfa Romeo di affrontare la crisi apportata dalla Seconda Guerra Mondiale e di dare origine ad una nuova epoca. Il periodo post-bellico, infatti, si apre con la nomina di Pasquale Gallo, al posto di Ugo Gobbato (assassinato nel 1945), e di Orazio Satta Puliga, come principale progettista. Nonostante le iniziali complicazioni a far riprendere il business, con l'avvento degli anni Cinquanta Alfa Romeo raggiunge livelli di sviluppo inaspettati: le "Alfette" 158 e 159 partecipano ai primi due Campionati del Mondo della Formula 1, viene presentato il progetto "Alfa Sud" e debuttano la 1900 e le rinomate Giulia e Giulietta. Inoltre, gli anni Sessanta segnano per "Il Biscione" due avvenimenti estremamente importanti: la costruzione dello stabilimento produttivo più grande della casa automobilistica ad Arese, in provincia di Milano, e l'apertura della pista di Balocco. LO SAPEVI CHE: nell'area dove si trovava lo stabilimento produttivo di Arese, dismesso qualche anno fa, ora sorge il museo Alfa Romeo? Lo sapevi che nel museo si possono trovare tutte le auto che hanno segnato la storia di A.L.F.A. e di Alfa Romeo? Lo sapevi che sono in mostra anche tutte le automobili che hanno gareggiato sui più importanti circuiti del mondo? Per l'ennesima volta nella storia di Alfa Romeo, a periodi di crescita e successo corrispondono fasi di regresso. La crisi energetica del 1973 e la complessa situazione economica, politica, sociale e sindacale minano alla stabilità dell'azienda a un punto tale da rendere le fondamenta della stessa in pericolo: l'intervento di Finmeccanica, seppur radicale, è necessario per garantirle stabilità. Pertanto, nel 1986 Alfa Romeo viene ceduta al Gruppo Fiat, decisione al seguito della quale vengono lanciati sul mercato modelli come la 164 e 155, la 156, 147, 8C Competizione, Mito e Giulietta. Di nuovo, Alfa Romeo riparte da capo, dalla moderna e sportiva 4C e dal grande rilancio previsto dal nuovo gruppo Fiat Chrysler Automobiles.

Lista dei modelli ALFA ROMEO

meccanico
meccanico
Gli interventi che rientrano nella categoria "interventi di meccanica" sono molteplici e variano a seconda del danno riportato dall'auto che si sottopone alla diagnosi. Il meccanico è un professionista dell'autoriparazione cioè quell'attività volta alla manutenzione e alla riparazione/sostituzione di uno o più componenti la cui efficienza sia stata compromessa da una serie di fattori. Nell'attività di meccanico rientrano tutti quegli interventi di modifica e sostituzione delle parti danneggiate e del ripristino delle stesse, installazione di nuovi e/o aggiornati componenti sull'auto di impianti e componenti fissi. Essi si estendono dai piccoli interventi di meccanica fino alla sostituzione delle parti più importanti ed economicamente onerose per gli automobilisti: motore, cinghia di distribuzione, sostituzione cambio, controllo impianto frenante e assetto. Rivolgersi ad un buon meccanico è fondamentale per allungare il ciclo vitale dell'auto mantenendo integri tutti i componenti atti alla sicurezza, all'efficienza, alle prestazioni e ai consumi, fattori indispensabili per una guida mai pericolosa per se stessi e per gli altri utenti della strada.

Lista delle officine di Ceranova

auto
Autoelite di frangipani leo filighera Autofficina bianchini walter badia pavese Autofficina bulfaro gianluigi vellezzo bellini Autofficina di maggi adriano linarolo Autofficina flli garlaschi di garlaschi maurizio e p siziano
Autofficina fratelli tediosi giussago Autofficina my car siziano Autofficina riparazioni grazioli massimo inverno e monteleone Autok societa cooperativa siziano Autoriparazione gomme point stella copiano
Autoriparazioni s genesio san genesio ed uniti Autovigano 5 centro revisione siziano Brognoli renato giovenzano Car service gta miradolo terme Carrozzeria aretusa 2 torrevecchia pia
Carrozzeria belgioioso cura carpignano Carrozzeria biesse siziano Carrozzeria brera massimo linarolo Carrozzeria brera massimo linarolo Carrozzeria chieregato san genesio ed uniti
Carrozzeria flli stefani santa cristina e bissone Carrozzeria la torre filighera Carrozzeria monterosa siziano Carrozzeria officina moretto car service giussago Deca giussago
Destro vittorino san genesio ed uniti Esse pi erre di sperati santa cristina e bissone Fiat officina autorizzata auto e veicoli commerciali miradolo terme Fiat organizzato vendita e assistenza auto e veicoli commerciali zeccone Fordriparatore elmi car miradolo terme
Garlaschi giancarlo siziano Giannini di giannini virginio albuzzano Grossi srl Grossi zeccone L officina del computer di fedele mirko magherno
La piacentina di eginardi valle salimbene Maestri enrico cura carpignano Mantegazzi fratelli santa cristina e bissone Massagalli filighera Negri mario magherno
Nibrauto di nicolini e brandinali siziano Nosotti corse di nosotti massimo siziano Nosotti corse di nosotti massimo siziano Off meccanica visa di sacchi francesco copiano Officina botanica cura carpignano
Officina campari di campari e e campari l vistarino Officina campari vistarino Officina delle erbe di bologna silvia antonella miradolo terme Officina elettromeccanica flli preti bornasco Officina meccanica bonelli di bonelli riccardo linarolo
Officina meccanica di campana lazzaro marco prado Officina meccanica marassi mauro torre darese Officina meccanica ponte vecchio cura carpignano Officina poggi miradolo terme Officina vittoria copiano
Over car di curti massimo e bugiardino michele siziano Panizza alberto marzano Peniti marco siziano Piviali claudio albuzzano Polverino filomeno siziano
Renaultcarrozzeria autorizzata renault san genesio ed uniti Ronconi auto e mobilita valle salimbene Sama cura carpignano Sconfietti ryan spessa Spra autofficina centro gomme valle salimbene
Tecno car cura carpignano Tessi carrozzeria copiano Versace m e figli miradolo terme Vigentina car di cesarini mario zeccone Zecca andrea magherno
Zucca palmiro magherno
zona

Ceranova

auto
Cruscotto   Macrocategoria : Componenti interni

  Componente : Cruscotto

  Tipologia Intervento : Meccanico


Descrizione
Il cruscotto costituisce la parte sottostante il parabrezza. Esso può variare sia nelle dimensioni che nei materiali, può essere più o meno esteso in base al tipo di auto e può essere costituito da gomma e derivati o, solitamente, rivestito in pelle dura. La sua definizione può anche essere estesa al termine navale "plancia", per il carattere ergonomico che ha assunto negli ultimi anni.

Manutenzione

Non esiste una manutenzione specifica per il cruscotto. Si consiglia l'utilizzo di prodotti adeguati che non macchino né sfoglino i materiali di cui è composto. Per la sua pulizia si consiglia un panno asciutto o leggermente inumidito per la rimozione di polvere o affini.