Lista delle officine di Pozzo d'Adda

auto
Alfa romeo officina autorizzata pessano con bornago Annovazzi innocente liscate Auto piu due liscate Autocarrozzeria di mazzarella alfonso pessano con bornago Autodemolizioni ferrari pessano con bornago
Autofficina bfl di brambilla flaminio pessano con bornago Autofficina bfl pessano con bornago Autofficina carrozzeria zammattio giorgio e ivan balbiano Autofficina colombo enrico mario pessano con bornago Autofficina corti carlo gessate
Autofficina effegi di facetti lorenzo cassina de pecchi Autofficina elettrauto gommista vignate Autofficina lorenz di gazzi carlo vignate Autofficina mauri di mauri ivo e amos masate Autofficina stema vignate
Autofficina toffetti bussero Autogabetta liscate Autojunior officina car service pessano con bornago Autojunior pessano con bornago Autolavaggio camion cassina de pecchi
Autoliscate di bruni agostino liscate Automobili salerno mediglia Automotors di schillaci s cassina de pecchi Autoriparazioni ombry cars di donnini luca pessano con bornago Autosilano vignate
Autosuraci di suraci salvatore vignate Bertuletti rocco e bigoni luigi mediglia Bimecar trade liscate Brambilla agr davide bellinzago lombardo Brambilla antonio di antonio brambilla pessano con bornago
Brocanelli cassina de pecchi Caloni angelo di caloni alberto e c gessate Calzaferri eugenio pozzo dadda Campanelli cinzia gessate Car auto concessionaria lancia liscate
Carrozeria gema cassina de pecchi Carrozzeria 2000 di tomasicchio francesco e tomasicchio antonio triginto Carrozzeria 2000 mediglia Carrozzeria eurocar di bruno truglia masate Carrozzeria fumagalli pozzuolo martesana
Carrozzeria gf colturano Carrozzeria invernizzi cassina de pecchi Carrozzeria marche cassina de pecchi Carrozzeria new car di presotto fabio masate Carrozzeria officina meccanica soccorso stradale 24 h su 24 basiano
Carrozzeria rally bellinzago lombardo Carrozzeria rivoltana liscate Carrozzeria san moro di chiesa modesto cassina de pecchi Carrozzeria tressoldi pozzo dadda Carrozzeria vip auto di il grande santi salvatore e il grande patr liscate
Chiaratti alessandro pessano con bornago Cominardi motors 2 di cominardi claudio e c cassina de pecchi Cominardi motors di cominardi nazzareno cassina de pecchi Copecar di monzani cesare basiano Crespi c officina meccanica di pavesi bussero
Cuponauto bussero Cupone auto di cupone giuseppe bussero Errevi Auto Snc di Rebuscini Mauro & Errevi auto sdf gessate Europcar autonoleggio auto e furgoni pessano con bornago
Farina motors di farina salvatore liscate Ferrari Auto srl Ferrari auto di ferrari gb pessano con bornago Fiat carrozzeria officina riparazioni cassina de pecchi Fiat carrozzeria officina riparazioni liscate
Fiat officina autorizzata auto e veicoli commerciali bussero Fiat officina autorizzata auto e veicoli commerciali bussero Fiat officina autorizzata auto e veicoli commerciali cassina de pecchi Firam pozzo dadda Flli puopolo di puopolo rocco bussero
Fogazzi sergio colturano Fonzo flli basiano Gariboldi fratelli rino e mario liscate Gerenzani paolo lazzaro basiano Gielle di ghiani beniamino e c pessano con bornago
Green Car Service srl Interauto liscate Italmatic cassina de pecchi Italmatic cassina de pecchi Italmatic presse e stampi cassina de pecchi
Kappauto di stucchi lorenzo e tresoldi alessandro pozzuolo martesana Kikkauto cassina de pecchi Lancia officina autorizzata pozzuolo martesana Loizzo car services cassina de pecchi Loizzo car services di loizzo domenico e loizzo luca cassina de pecchi
Marcauto vignate Marchesi autoriparazioni bussero Mazzoleni gianluca lucio mediglia Menclossi fratelli pessano con bornago Mf veicoli bussero
Motauto B&B Punto Pro Autoservice Motauto beb di bose alberto e bellossi andrea gessate Mpi vignate Officina best car service di campana alessio pessano con bornago Officina bombaci nicola basiano
Officina colonna pessano con bornago Officina meccanica ambrosoni diambrosoni luigi e figli gessate Officina meccanica ciceri luigi pessano con bornago Officina meccanica oara dei fratelli galbiati cassina de pecchi Officina riparazioni auto autocarrozzeria di ciocca emilio basiano
Omm officina minuterie di eredi di luigi mapelli gessate Pneuscars cassina de pecchi Proxi car cassina de pecchi Quadri moto di quadri simone pozzo dadda Queen car di luccisano vincenzo colturano
Redondi luigi cassina de pecchi Ruffini gommista centro revisioni pessano con bornago Salcito giovanni pessano con bornago Schettini severino gessate Sciancalepore corrado cassina de pecchi
Sima liscate Speedy car di lesina franco cassina de pecchi Super car cassina de pecchi Toffetti luigi giacomo bussero Toffetti luigi giacomo bussero
Tognetti e de rossi di tognetti paola pozzuolo martesana Trezzi walter pessano con bornago Turbo corse vignate Vignate car di grassi paolo vignate Vittorio Petrantoni srl
zona

Pozzo d'Adda

meccanico
meccanico
Gli interventi che rientrano nella categoria "interventi di meccanica" sono molteplici e variano a seconda del danno riportato dall'auto che si sottopone alla diagnosi. Il meccanico è un professionista dell'autoriparazione cioè quell'attività volta alla manutenzione e alla riparazione/sostituzione di uno o più componenti la cui efficienza sia stata compromessa da una serie di fattori. Nell'attività di meccanico rientrano tutti quegli interventi di modifica e sostituzione delle parti danneggiate e del ripristino delle stesse, installazione di nuovi e/o aggiornati componenti sull'auto di impianti e componenti fissi. Essi si estendono dai piccoli interventi di meccanica fino alla sostituzione delle parti più importanti ed economicamente onerose per gli automobilisti: motore, cinghia di distribuzione, sostituzione cambio, controllo impianto frenante e assetto. Rivolgersi ad un buon meccanico è fondamentale per allungare il ciclo vitale dell'auto mantenendo integri tutti i componenti atti alla sicurezza, all'efficienza, alle prestazioni e ai consumi, fattori indispensabili per una guida mai pericolosa per se stessi e per gli altri utenti della strada.

Seleziona il modello della tua auto

auto
OPEL

“Wir Leben Autos”, noi viviamo auto. Tre semplici parole che racchiudono la filosofia di Opel, un brand la cui passione e il cui entusiasmo sono stati essenziali la sua crescita e il suo sviluppo. La storia della casa automobilistica Opel trae le sue origini in settori e ambiti del tutto differenti dal mondo automotive. Fondamentale è stato il viaggio di Adam Opel a Parigi dove è iniziata la sua carriera nel campo delle macchine da cucire. Questo gli ha permesso di acquisire conoscenze, capacità e competenze che si rivelano indispensabili quando, nel 1862, prese la decisione di intraprendere una propria attività di progettazione e produzione delle stesse. Nel 1868 il business decollò permettendo ad Adam Opel di trasferire la sua officina in uno stabilimento a Rüsselsheim, di assumere i primi collaboratori e di raggiungere un successo del tutto inaspettato. Lo spirito imprenditoriale, la voglia di crescere e l’inventiva sono elementi che non sono mai mancati al fondatore della società, così come ai suoi figli, dai quali nacque l’idea di estendere il proprio spazio di azione alle biciclette. La determinazione della famiglia assunse un ruolo determinante, tale da far assumere all’azienda un ruolo di leadership nella produzione di biciclette prima nel mercato tedesco, poi a livello globale. Sfortunatamente, a seguito della morte di Adam Opel nel 1895 e della crisi del settore industriale, nel 1899 la famiglia decide di diversificare ulteriormente il proprio business, concentrandosi sul mondo automotive. “Auto a motore brevettato Opel, sistema Lutzmann”: è questo il nome della prima auto progettata e prodotta dalla casa automobilistica. Inoltre, la famiglia tedesca non si limita solamente alla produzione dei veicoli ma partecipa anche a gare di automobilismo sportivo, ottenendo numerose vittorie. La crescita è così sostenuta da portare il brand, nel giro di pochi anni, a detenere una quota di mercato pari al 37,5%. Nel 1909 viene prodotta la cosiddetta “Doktorwagen”, l’automobile del dottore, a due posti con una potenza dai 4 agli 8 CV; solo 3 anni dopo viene presentato un veicolo dai 40 ai 100 CV. Vengono sviluppate auto da corsa, tra le quali il veicolo che ha raggiunto un elevatissimo trionfo nel Gran Prix del 1913, e viene inaugurata la prima pista a Sud di Rüsselsheim. L’innovazione continua a essere l’elemento sul quale la famiglia Opel costruisce le sue attività: rinnovamento della struttura, introduzione dei processi con catena di montaggio e alleanze sono le azioni che hanno permesso alla casa tedesca di divenire nel 1928 la maggiore produttrice di automobili in Germania. La sua posizione di leadership ha attratto così tanto la General Motors che, nel 1929, acquisisce l’80% della Società Adam Opel AG (il 20% rimanente viene acquisito nel 1931). Un ulteriore obiettivo raggiunto da Opel in questi anni è stato la fondazione di una società di assicurazioni e di una banca, la “Banca Opel”, per finanziare l’acquisto dell’auto. Sfortunatamente, lo sviluppo di Opel, così come quello di molte altre industrie tedesche, è stato costretto a subire una forte battuta d’arresto con l’avvento della Seconda Guerra Mondiale: viene vietata la produzione di auto per passeggeri, vengono ordinate produzioni di attrezzature militari, viene distrutta parzialmente la fabbrica di Rüsselsheim e totalmente quella di Brandeburgo e l’impianto di produzione della Kadett viene inviato come risarcimento all’Unione Sovietica. Al termine della Guerra le opere da compiere sia di ricostruzione sia di ripresa della produzione furono molte: la prima Opel del dopoguerra fu un camion “Blitz” presentata nel 1946, mentre lo stabilimento di Rüsselsheim torna ad essere operativo solo nel 1950. A partire da questi anni, inizia la produzione delle più celebri automobili del mondo automotive: si fa riferimento alla Rekord P2, che ha registrato un numero di 755.000 esemplari venduti, ai modelli di lusso Kapitän, Admiral e Diplomat nel 1964, alla Opel GT. Nel frattempo si inaugura un nuovo stabilimento a Bochum che nel 1966 festeggia la produzione della milionesima Kadett. Le principali innovazioni però vengono implementate a partire dagli anni Sessanta: viene montato un motore diesel sul modello Opel GT e la cintura di sicurezza diventa un elemento di serie per tutti i modelli. Fondamentali sono l’apertura di un nuovo stabilimento a Saragozza per la produzione della celebre Opel Corsa (1982) e gli importanti traguardi in campo ambientale: Opel infatti è la prima casa automobilistica ad utilizzare vernici ecologiche a base acquosa e catene di riciclaggio per le plastiche, eliminando i materiali pericolosi quali amianto e cadmio (1990). Cessata la produzione della Kadett nel 1991, le succedono una serie di altri veicoli: Astra, la prima auto Opel dotata del c.d. “Opel Safety System”; Frontera, il primo fuoristrada della società; Vectra B, a partire dalla quale tutte le auto vengono dotate di Air Bag anteriori; Zafira, la prima della fascia di furgoni compatti; Opel Agila, la prima monovolume. Gli studi proseguono affinché la società possa mantenere elevati i suoi standard e creare un’immagine all’avanguardia. Nel 2003 vengono presentate due differenti tipologie di motori: la prima a diesel, dotata di tecnologia CDTI common-rail, e la seconda a benzina, con tecnologia TWINPORT in un’ottica di risparmio di carburante. Proprio in questo anno, inizia anche la fase di collaudo del combustibile a idrogeno. Il 2006 è un anno molto importante per Opel. Viene aperto il nuovo centro di progettazione a Rüsselsheim e la nuova Corsa riceve 5 stelle dal Euro NCAP, il catalizzatore di nuove iniziative per la valutazione del livello di sicurezza delle vetture più diffuse in Europa. Nel 2008 Opel presenta il suo nuovo modello al Salone Internazionale dell’auto di Londra, Insignia. Con un design unico ed elegante e dotata di una tecnologia avanzata, Insignia si presenta come un’importante innovazione per la società che le permette di guadagnarsi il titolo di auto dell’anno 2009, durante il quale vengono celebrati i 110 anni dalla prima auto prodotta dal marchio. Purtroppo la crisi economico-finanziaria di questi anni ha determinato una forte instabilità del mercato con conseguenti difficoltà per la società. Per queste ragioni, GM dichiara fallimento e Opel riceve numerosi aiuti dal governo tedesco. Fortunatamente, il 5 gennaio 2011 la società viene nuovamente iscritta nel registro delle imprese come società per azione. Inizia questo anno il restyling della Opel Corsa mentre in occasione della 64° edizione del Salone dell’auto di Francoforte vengono presentate quattro anteprime mondali: il coupé Opel Astra GTC, Opel Zafira Tourer, l’ultima generazione di Opel Combo e il prototipo RAKe. Dal 2012 al 2014 sono stati diversi gli avvenimenti, i traguardi raggiunti e i riconoscimenti ottenuti dal marchio. Il 2012 è segnato da eventi quali le anteprime mondiali al Salone di Ginevra del nuovo SUV sub-compatto Mokka e dalla Astra OPC e, in occasione del 150° anno di attività, dal ritorno sul circuito automobilistico con la nuova Opel ADAM. Nel 2013 Opel fa il suo debutto nel mercato dei crossover premium con la Opel Insignia Country Tourer e presenta una gamma di motori benzina e diesel, nel rispetto della normativa Euro 6, in grado di ridurre tempi e costi. Inoltre, l’anno si conclude con l’ottenimento degli “Autonis Award” e “Red Dot Design Award” per la ADAM e, all’inizio del 2014, del premio Readers Choice. Una simile apertura dell’anno non poteva non essere di buon auspicio: nei mesi successivi, infatti, vengono presentate la Opel Astra OPC Extreme, la Mokka, la Meriva, la KARL, la Corsa di 5° generazione e la sportiva ADAM S.

Lista dei modelli OPEL

auto
Cruscotto   Macrocategoria : Componenti interni

  Componente : Cruscotto

  Tipologia Intervento : Meccanico


Descrizione
Il cruscotto costituisce la parte sottostante il parabrezza. Esso può variare sia nelle dimensioni che nei materiali, può essere più o meno esteso in base al tipo di auto e può essere costituito da gomma e derivati o, solitamente, rivestito in pelle dura. La sua definizione può anche essere estesa al termine navale "plancia", per il carattere ergonomico che ha assunto negli ultimi anni.

Manutenzione

Non esiste una manutenzione specifica per il cruscotto. Si consiglia l'utilizzo di prodotti adeguati che non macchino né sfoglino i materiali di cui è composto. Per la sua pulizia si consiglia un panno asciutto o leggermente inumidito per la rimozione di polvere o affini.