Cerca la tua officina in Provincia Torino

Agliè Airasca Ala di Stura Albiano d'Ivrea Alice Superiore
Almese Alpette Alpignano Andezeno Andrate
Angrogna Arignano Avigliana Azeglio Bairo
Balangero Baldissero Canavese Baldissero Torinese Balme Banchette
Barbania Bardonecchia Barone Canavese Beinasco Bibiana
Bobbio Pellice Bollengo Borgaro Torinese Borgiallo Borgofranco d'Ivrea
Borgomasino Borgone Susa Bosconero Brandizzo Bricherasio
Brosso Brozolo Bruino Brusasco Bruzolo
Buriasco Burolo Busano Bussoleno Buttigliera Alta
Cafasse Caluso Cambiano Campiglione Fenile Candia Canavese
Candiolo Canischio Cantalupa Cantoira Caprie
Caravino Carema Carignano Carmagnola Casalborgone
Cascinette d'Ivrea Caselette Caselle Torinese Castagneto Po Castagnole Piemonte
Castellamonte Castelnuovo Nigra Castiglione Torinese Cavagnolo Cavour
Cercenasco Ceres Ceresole Reale Cesana Torinese Chialamberto
Chianocco Chiaverano Chieri Chiesanuova Chiomonte
Chiusa di San Michele Chivasso Ciconio Cintano Cinzano
Ciriè Claviere Coassolo Torinese Coazze Collegno
Colleretto Castelnuovo Colleretto Giacosa Condove Corio Cossano Canavese
Cuceglio Cumiana Cuorgnè Druento Exilles
Favria Feletto Fenestrelle Fiano Fiorano Canavese
Foglizzo Forno Canavese Frassinetto Front Frossasco
Garzigliana Gassino Torinese Germagnano Giaglione Giaveno
Givoletto Gravere Groscavallo Grosso Grugliasco
Ingria Inverso Pinasca Isolabella Issiglio Ivrea
La Cassa La Loggia Lanzo Torinese Lauriano Leini
Lemie Lessolo Levone Locana Lombardore
Lombriasco Loranzè Lugnacco Luserna San Giovanni Lusernetta
Lusigliè Macello Maglione Marentino Massello
Mathi Mattie Mazzè Meana di Susa Mercenasco
Meugliano Mezzenile Mombello di Torino Mompantero Monastero di Lanzo
Moncalieri Moncenisio Montaldo Torinese Montalenghe Montalto Dora
Montanaro Monteu da Po Moriondo Torinese Nichelino Noasca
Nole Nomaglio None Novalesa Oglianico
Orbassano Orio Canavese Osasco Osasio Oulx
Ozegna Palazzo Canavese Pancalieri Parella Pavarolo
Pavone Canavese Pecco Pecetto Torinese Perosa Argentina Perosa Canavese
Perrero Pertusio Pessinetto Pianezza Pinasca
Pinerolo Pino Torinese Piobesi Torinese Piossasco Piscina
Piverone Poirino Pomaretto Pont Canavese Porte
Pragelato Prali Pralormo Pramollo Prarostino
Prascorsano Pratiglione Quagliuzzo Quassolo Quincinetto
Reano Ribordone Riva Presso Chieri Rivalba Rivalta di Torino
Rivara Rivarolo Canavese Rivarossa Rivoli Robassomero
Rocca Canavese Roletto Romano Canavese Ronco Canavese Rondissone
Rora Rosta Roure Rubiana Rueglio
Salassa Salbertrand Salerano Canavese Salza di Pinerolo Samone
San Benigno Canavese San Carlo Canavese San Colombano Belmonte San Didero San Francesco al Campo
San Germano Chisone San Gillio San Giorgio Canavese San Giorio di Susa San Giusto Canavese
San Martino Canavese San Maurizio Canavese San Mauro Torinese San Pietro Val Lemina San Ponso
San Raffaele Cimena San Sebastiano da Po San Secondo di Pinerolo Sangano Sant'Ambrogio di Torino
Sant'Antonino di Susa Santena Sauze di Cesana Sauze d'Oulx Scalenghe
Scarmagno Sciolze Sestriere Settimo Rottaro Settimo Torinese
Settimo Vittone Sparone Strambinello Strambino Susa
Tavagnasco Torino Torrazza Piemonte Torre Canavese Torre Pellice
Trana Trausella Traversella Traves Trofarello
Usseaux Usseglio Vaie Val della Torre Valgioie
Vallo Torinese Valperga Valprato Soana Varisella Vauda Canavese
Venaria Reale Venaus Verolengo Verrua Savoia Vestignè
Vialfrè Vico Canavese Vidracco Vigone Villafranca Piemonte
Villanova Canavese Villar Dora Villar Focchiardo Villar Pellice Villar Perosa
Villarbasse Villareggia Villastellone Vinovo Virle Piemonte
Vische Vistrorio Viù Volpiano Volvera
zona

Provincia di Torino

carrozzeria
carrozzeria
Gli interventi di carrozzeria sonpo molteplici e possono essere causati da diversi fattori che hanno compromesso l'estetica o l'utilizzo di una o più parti esterne dell'auto. Le attività di riparazione che si svolgono più frequentemente vanno dallo smontaggio delle parti danneggiate fino alla loro riparazione, lavori di raddrizzatura scocca, stuccatura e carteggiatura, verniciatura parziale o completa e piccoli lavori di finitura legati ad abrasioni, graffi e lievi scalfiture, più o meno facilmente eliminabili dalla carrozzeria grazie ad appositi prodotti come polish e affini.

Seleziona il modello della tua auto

auto
OPEL

“Wir Leben Autos”, noi viviamo auto. Tre semplici parole che racchiudono la filosofia di Opel, un brand la cui passione e il cui entusiasmo sono stati essenziali la sua crescita e il suo sviluppo. La storia della casa automobilistica Opel trae le sue origini in settori e ambiti del tutto differenti dal mondo automotive. Fondamentale è stato il viaggio di Adam Opel a Parigi dove è iniziata la sua carriera nel campo delle macchine da cucire. Questo gli ha permesso di acquisire conoscenze, capacità e competenze che si rivelano indispensabili quando, nel 1862, prese la decisione di intraprendere una propria attività di progettazione e produzione delle stesse. Nel 1868 il business decollò permettendo ad Adam Opel di trasferire la sua officina in uno stabilimento a Rüsselsheim, di assumere i primi collaboratori e di raggiungere un successo del tutto inaspettato. Lo spirito imprenditoriale, la voglia di crescere e l’inventiva sono elementi che non sono mai mancati al fondatore della società, così come ai suoi figli, dai quali nacque l’idea di estendere il proprio spazio di azione alle biciclette. La determinazione della famiglia assunse un ruolo determinante, tale da far assumere all’azienda un ruolo di leadership nella produzione di biciclette prima nel mercato tedesco, poi a livello globale. Sfortunatamente, a seguito della morte di Adam Opel nel 1895 e della crisi del settore industriale, nel 1899 la famiglia decide di diversificare ulteriormente il proprio business, concentrandosi sul mondo automotive. “Auto a motore brevettato Opel, sistema Lutzmann”: è questo il nome della prima auto progettata e prodotta dalla casa automobilistica. Inoltre, la famiglia tedesca non si limita solamente alla produzione dei veicoli ma partecipa anche a gare di automobilismo sportivo, ottenendo numerose vittorie. La crescita è così sostenuta da portare il brand, nel giro di pochi anni, a detenere una quota di mercato pari al 37,5%. Nel 1909 viene prodotta la cosiddetta “Doktorwagen”, l’automobile del dottore, a due posti con una potenza dai 4 agli 8 CV; solo 3 anni dopo viene presentato un veicolo dai 40 ai 100 CV. Vengono sviluppate auto da corsa, tra le quali il veicolo che ha raggiunto un elevatissimo trionfo nel Gran Prix del 1913, e viene inaugurata la prima pista a Sud di Rüsselsheim. L’innovazione continua a essere l’elemento sul quale la famiglia Opel costruisce le sue attività: rinnovamento della struttura, introduzione dei processi con catena di montaggio e alleanze sono le azioni che hanno permesso alla casa tedesca di divenire nel 1928 la maggiore produttrice di automobili in Germania. La sua posizione di leadership ha attratto così tanto la General Motors che, nel 1929, acquisisce l’80% della Società Adam Opel AG (il 20% rimanente viene acquisito nel 1931). Un ulteriore obiettivo raggiunto da Opel in questi anni è stato la fondazione di una società di assicurazioni e di una banca, la “Banca Opel”, per finanziare l’acquisto dell’auto. Sfortunatamente, lo sviluppo di Opel, così come quello di molte altre industrie tedesche, è stato costretto a subire una forte battuta d’arresto con l’avvento della Seconda Guerra Mondiale: viene vietata la produzione di auto per passeggeri, vengono ordinate produzioni di attrezzature militari, viene distrutta parzialmente la fabbrica di Rüsselsheim e totalmente quella di Brandeburgo e l’impianto di produzione della Kadett viene inviato come risarcimento all’Unione Sovietica. Al termine della Guerra le opere da compiere sia di ricostruzione sia di ripresa della produzione furono molte: la prima Opel del dopoguerra fu un camion “Blitz” presentata nel 1946, mentre lo stabilimento di Rüsselsheim torna ad essere operativo solo nel 1950. A partire da questi anni, inizia la produzione delle più celebri automobili del mondo automotive: si fa riferimento alla Rekord P2, che ha registrato un numero di 755.000 esemplari venduti, ai modelli di lusso Kapitän, Admiral e Diplomat nel 1964, alla Opel GT. Nel frattempo si inaugura un nuovo stabilimento a Bochum che nel 1966 festeggia la produzione della milionesima Kadett. Le principali innovazioni però vengono implementate a partire dagli anni Sessanta: viene montato un motore diesel sul modello Opel GT e la cintura di sicurezza diventa un elemento di serie per tutti i modelli. Fondamentali sono l’apertura di un nuovo stabilimento a Saragozza per la produzione della celebre Opel Corsa (1982) e gli importanti traguardi in campo ambientale: Opel infatti è la prima casa automobilistica ad utilizzare vernici ecologiche a base acquosa e catene di riciclaggio per le plastiche, eliminando i materiali pericolosi quali amianto e cadmio (1990). Cessata la produzione della Kadett nel 1991, le succedono una serie di altri veicoli: Astra, la prima auto Opel dotata del c.d. “Opel Safety System”; Frontera, il primo fuoristrada della società; Vectra B, a partire dalla quale tutte le auto vengono dotate di Air Bag anteriori; Zafira, la prima della fascia di furgoni compatti; Opel Agila, la prima monovolume. Gli studi proseguono affinché la società possa mantenere elevati i suoi standard e creare un’immagine all’avanguardia. Nel 2003 vengono presentate due differenti tipologie di motori: la prima a diesel, dotata di tecnologia CDTI common-rail, e la seconda a benzina, con tecnologia TWINPORT in un’ottica di risparmio di carburante. Proprio in questo anno, inizia anche la fase di collaudo del combustibile a idrogeno. Il 2006 è un anno molto importante per Opel. Viene aperto il nuovo centro di progettazione a Rüsselsheim e la nuova Corsa riceve 5 stelle dal Euro NCAP, il catalizzatore di nuove iniziative per la valutazione del livello di sicurezza delle vetture più diffuse in Europa. Nel 2008 Opel presenta il suo nuovo modello al Salone Internazionale dell’auto di Londra, Insignia. Con un design unico ed elegante e dotata di una tecnologia avanzata, Insignia si presenta come un’importante innovazione per la società che le permette di guadagnarsi il titolo di auto dell’anno 2009, durante il quale vengono celebrati i 110 anni dalla prima auto prodotta dal marchio. Purtroppo la crisi economico-finanziaria di questi anni ha determinato una forte instabilità del mercato con conseguenti difficoltà per la società. Per queste ragioni, GM dichiara fallimento e Opel riceve numerosi aiuti dal governo tedesco. Fortunatamente, il 5 gennaio 2011 la società viene nuovamente iscritta nel registro delle imprese come società per azione. Inizia questo anno il restyling della Opel Corsa mentre in occasione della 64° edizione del Salone dell’auto di Francoforte vengono presentate quattro anteprime mondali: il coupé Opel Astra GTC, Opel Zafira Tourer, l’ultima generazione di Opel Combo e il prototipo RAKe. Dal 2012 al 2014 sono stati diversi gli avvenimenti, i traguardi raggiunti e i riconoscimenti ottenuti dal marchio. Il 2012 è segnato da eventi quali le anteprime mondiali al Salone di Ginevra del nuovo SUV sub-compatto Mokka e dalla Astra OPC e, in occasione del 150° anno di attività, dal ritorno sul circuito automobilistico con la nuova Opel ADAM. Nel 2013 Opel fa il suo debutto nel mercato dei crossover premium con la Opel Insignia Country Tourer e presenta una gamma di motori benzina e diesel, nel rispetto della normativa Euro 6, in grado di ridurre tempi e costi. Inoltre, l’anno si conclude con l’ottenimento degli “Autonis Award” e “Red Dot Design Award” per la ADAM e, all’inizio del 2014, del premio Readers Choice. Una simile apertura dell’anno non poteva non essere di buon auspicio: nei mesi successivi, infatti, vengono presentate la Opel Astra OPC Extreme, la Mokka, la Meriva, la KARL, la Corsa di 5° generazione e la sportiva ADAM S.

Lista dei modelli OPEL

auto
Parafango   Macrocategoria : Carrozzeria

  Componente : Parafango

  Tipologia Intervento : Carrozzeria


Descrizione
Il parafango di un'auto è adibito a due funzioni: protettiva per riparare la carrozzeria da sabbia, fango e sassi che vengono sollevati dagli pneumatici durante la marcia del veicolo, e aerodinamica, poiché copre la ruota dal mozzo in su riducendo la resistenza dei flussi d'aria che aumentano proporzionalmente alla velocità

Manutenzione

La manutenzione del parafango segue le linee guida dell'intera carrozzeria con un occhio di riguardo in più poiché il parafango è costituito da plastiche o materiali affini più facilmente danneggiabili.